Illustratrici sulle orme di Leonardo – Mostra collettiva

LEONARDO

Dal 24 novembre al 23 dicembre 2019, sarà allestita presso la Sala mostre di Villa Frova, la collettiva “ILLUSTRATRICI SULLE ORME DI LEONARDO”.

La mostra verrà inaugurata domenica 24 novembre alle ore 11:30.

In mostra opere inedite di Paola Franceschini, Marta Lorenzon, Federica Pagnucco, Caterina Santambrogio e Glenda Sburelin

Caterina Santambrogio diplomata all’Istituto Statale d’Arte di Cordenons, vive a Pordenone e da anni si occupa di illustrazione. Crea disegni e oggetti di artigianato artistico su ceramica e legno, Tiene laboratori nelle scuole, e presta la sua mano per progetti benefici come l’illustrazione del Calendario dell’Associazione di Volontariato Onlus il Noce di Casarsa.

Paola Franceschini illustra dal 2004 collaborando assiduamente con la Casa Editrice Artebambini sia per la Rivista Dada che per la pubblicazione di albi illustrati dedicati ad artisti. Nel corso degli anni ha trasformato i suoi libri in spettacoli che ha presentato sia in Italia che all’estero. Da sempre appassionata di fotografia ama sperimentare sempre nuove possibilità di contaminazione tra questa forma d’arte e la scrittura. Nel 2019 alla Fiera del libro di Bologna ha presentato il suo ultimo libro “Nel suono giallo di Kandinsky”.

Federica Pagnucco vive in Friuli, un crocevia di culture, lingue e tradizioni. A scuola parlava molto, scriveva in piccolo e pensava di fare la parrucchiera o il chirurgo; le dicevano che disegnava bene. La sua casa è sempre stata piena di libri in cui tuffarsi dentro; forse per questo si è appassionata al mondo dell’illustrazione. Lavora con tanti bambini e ogni giorno legge storie ai suoi piccoli. Ha approfondito soprattutto la ricerca in questo campo, frequentando vari corsi e seminari in Italia e all’estero. Progetta e realizza corsi e incontri di illustrazione, laboratori grafici ed espressivi in varie scuole, biblioteche e centri di formazione. Propone una linea di artigianato artistico Il Carol, pezzi unici, realizzati a mano da testa a piedi. Ama le collaborazioni; con Linda Wolfsgruber è nato un progetto, libero e aperto Kleinlittlepiccolo che è diventato cartella d’artista, libro e film d’animazione.

Marta Lorenzon vive e lavora a Sacile (PN) con il gruppo Studio Swartz. Alla professione di illustratrice, negli ultimi anni, ha affiancato una personale ricerca pittorica, ispirata dalla passione per la tradizione macchiaiola ed impressionista della pittura dell’800. Per Marta la pittura è un’impressione della realtà, costituita da ricordi visivi che, come frammenti della memoria, sono ricomposti sulla tela attraverso macchie di colore e pennellate. L’immaginario proposto si presenta come un dialogo con la dimensione della memoria, attraverso il suo recupero e la sua reinterpretazione. I soggetti, a volte di figura umana, a volte paesaggistici, sono fotogrammi di momenti vissuti e, come i ricordi stessi, a tratti appaiono a fuoco, a tratti indefiniti. Predilige i contrasti cromatici tra i celesti freddi delle ombre contrapposti agli arancioni caldi usati per la luce solare del pomeriggio tardo. Anche nel disegno, come nella pittura, il segno frammentato narra la ricomposizione di un ricordo.

Glenda Sburelin nata a Pordenone nel 1972, ha svolto studi di grafica pubblicitaria e fotografia. La passione per il disegno la avvicina al mondo dell’illustrazione editoriale per ragazzi, contando circa una quarantina di pubblicazioni con Editori italiani, europei ed extraeuropei. Parallelamente coltiva anche un vivo interesse per la ricerca artistica, utilizzando varie tecniche che spaziano dalla pittura, alla ceramica e alla resina. Oltre alle numerose Mostre di Illustrazione, ha esposto in Rassegne d’Arte Contemporanea in Italia e all’estero e in Collettive di libri d’artista.
Le immagini in mostra appartengono al Silent Book “Storia di un sogno”, edito da Agaworld-Montessori (Seoul, Sud Corea, 2017), in coedizione con la svedese Zensekai Förlag. Il connotato dei Silent books è di essere libri senza parole ed è proprio da questa lacuna, che si sviluppa tutto il loro potenziale, in quella serie di strategie visive messe in atto ai fini della narrazione e dei suoi significati.
Offrono al bambino la possibilità di aguzzare l’osservazione e di riempire quel vuoto narrativo lasciato dall’assenza del testo scritto.

giuliobelluz

Sabato 19 ottobre alle ore 17.30, presso la Sala Mostre al 2° piano di Villa Frova, avrà luogo l’inaugurazione della mostra “Creature della vita” di Giulio Belluz

La mostra è organizzata in collaborazione con il Centro culturale Zanussi di Pordenone, nell’ambito del XXVIII° Festival Internazionale di Musica Sacra

L’ingresso è gratuito. La mostra sarà visitabile dal 19 ottobre al 16 novembre 2019 dal lunedì al sabato dalle 15.00 alle 18:30

L’inaugurazione sarà preceduta da un intervento musicale di Eva Miola, che eseguirà al violino musiche di Bach : Johann Sebastian Bach (1685-1750) dalla Sonata n.1 per violino solo – Adagio – Siciliano

Giulio Belluz è nato ad Azzano Decimo nel 1943. Si è diplomato in affresco all’Istituto Statale d’Arte di Venezia, in seguito ha frequentato l’Accademia di Belle Arti della stessa città. Ha cominciato ad esporre dagli anni ’60 con mostre in molte città italiane e straniere, da Pordenone a Venezia, da Verona a Milano, da Ginevra a Zurigo, Vienna, Klagenfurt etc. La sua attività è caratterizzata dall’interesse verso molte tecniche artistiche, in ognuna delle quali ha saputo realizzare opere di rilievo. In particolare il suo interesse è volto alla misteriosa vita degli animali, che egli indaga con cromie in equilibrio tra natura e ideazione mentale, attraverso invenzioni pittoriche dalle quali traspare un atteggiamento interrogante e sospeso nei confronti di tutta la realtà.

Eva Miola, violino. Nata nel 1999, inizia lo studio del violino con la prof.ssa Ellero e dal 2016 frequenta il Triennio Accademico presso il Conservatorio Tomadini di Udine sotto la guida della prof.ssa Malusà per il violino, dei proff. Teodoro (2018) e Calabretto (2019 per la musica da camera. Dal 2015 si perfeziona col prof. Fister del conservatorio di Klagenfurt. Collabora con l’Orchestra Giovanile Italiana (OGI) come concertino dei primi e spalla dei secondi, con l’Orchestra Nazionale dei Conservatori (ONCI) e con l’orchestra giovanile “Filarmonici Friulani”.

Info : Villa Frova tel.:043479027 , info@incaneva.it

viacrucis

Sabato 6 aprile alle ore 18:00, presso la Sala convegni di Villa Frova (al 2° piano), verrà inaugurata la mostra di GIAN ANTONIO CECCHIN ” Via crucis  e vie crucis d’ogni dì”

Interverranno : Gian Antonio Cecchin, Giovanni Trimeri e Carlo Zordan

Nel corso della serata :Lettura della poesia Via crucis d’ogni dì di Giovanna Trimeri a cura di Roberto Pierazzoli e Intermezzi musicali al pianoforte

ORARI DI APERTURA DELLA MOSTRA :

da lunedì a venerdì dalle 15:00 alle 18:00 : sabato e domenica dalle 15:00 alle 19:00 (il giorno di Pasqua la mostra rimarrà chiusa).

Lunedì 22 aprile 2019 (Lunedì dell’Angelo) dalle 15:00 alle 19:00 la mostra sarà visitabile alla presenza dell’artista.

 

INFO : Villa Frova tel: 0434 79027 ; info@incaneva.it

marta lorenzon

Si organizza per sabato 25 novembre alle ore 17:30, presso lo spazio espositivo di Villa Frova l’naugurazione della mostra DIALOGHI DI PACE con i disegni di MARTA LORENZON, e con la presentazione e cura di SILVIA PIGNAT. L’esposizione sarà visitabile dal 25 novembre al 30 dicembre

Si tratta di una Mostra e un laboratorio di scuola di animazione sul tema della Pace nell’ambito dell’XXVI° Festival Internazionale  MUSICA SACRA  dialoghi di pace in collaborazione con Centro Iniziative Culturali Pordenone

L’artista, Marta Lorenzon, vive e lavora a Sacile (Pn) con il gruppo Studio Swartz. Negli ultimi anni, ha affiancato alla professione di illustratrice una personale ricerca pittorica, ispirata dalla passione per la tradizione macchiaiola ed impressionista della pittura dell”800.

Per Marta la pittura è un’impressione della realtà, costituita da ricordi visivi che, come frammenti della memoria, sono ricomposti sulla tela attraverso macchie di colore e pennellate.

L’immaginario proposto si presenta come un dialogo con la dimensione della memoria, attraverso il suo recupero e la sua interpretazione.

I soggetti, a volte di figura umana, a volte paesaggistici, sono fotogrammi di momenti vissuti e, come i ricordi stessi, a tratti appaiono a fuoco, a tratti indefiniti.

Predilige i contrasti cromatici tra i celesti freddi delle ombre contrapposti agli arancioni caldi usati per la luce solare del pomeriggio tardo. Anche nel disegno, come nella pittura, il segno frammentario narra la ricomposizione di un ricordo.

 

INFO : Villa Frova tel.: 0434 79027; e-mail : info@incaneva.it

caneva ride

Si organizza per venerdì 10 novembre alle ore 20:30 presso la sala convegni di Villa Frova la presentazione della mostra di disegni e fumetti satirici IN VINO VERITAS nell’ambito della manifestazione  Caneva ride, premio Toni Zampol

La mostra sarà visitabile dal 10 al 19 novembre tutti i giorni durante l’orario di apertura della biblioteca presso la sala mostre di Villa Frova, con i seguenti orari:

il sabato dalle 15:00 alle 19:00 e la domenica dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 19:00. 

L’allestimento della mostra è a cura dell’associazione Pro Castello di Caneva

Quest’estate si è tenuta presso il castello l’edizione 2017 di CANEVA RIDE! PREMIO TONI ZAMPOL, concorso Internazionale di Satira di costume e Umorismo Disegnato, promosso dalla Pro Castello di Caneva (PN), con il contributo dell‘Associazione Màcheri, del Comune di Caneva, e della Banca Prealpi Credito Cooperativo.
Il concorso, è nato con l’intento di ricordare Toni Zampol, sottile umorista, narratore del territorio,pronto a cogliere il lato curioso o comico di personaggi e situazioni.
La mostra presenta una selezione dei disegni in concorso, compresi i primi tre insigniti del premio TONI ZAMPOL
Per ulteriori notizie e curiosità in merito all’edizione 2017 potete clicccare sul sito: canevaride.blogspot.it oltre naturalmente a venire a visitare la mostra!
INFO: Villa Frova tel.: 0434 79027; e-mail : info@incaneva.it
krisis mostra fotografica

Si organizza per domenica 15 ottobre alle ore 20:30 presentazione mostra fotografica “KRISIS” di Gaetano De Faveri alla presenza del prof. Guido Cecere

La mostra fotografica sarà aperta al pubblico fino a domenica 29 ottobre, lunedì, mercoledì e giovedì dalle 15:00 alle 18:30 e il martedì e il venerdì dalle 9:00 alle 13:00; il sabato e la domenica dalle 15:00 alle 19:00

L’evento è organizzato in collaborazione con il gruppo fotografico KALEIDOS

Gaetano De Faveri è nato a Ponte di Piave (TV) il 2 ottobre 1952. Vive e lavora a Pordenone. La sua formazione personale e professionale si svolge nell’ambito della psichiatria e psicoterapia. Si interessa alla fotografia intorno agli anni 80′, in un primo momento come fotoamatore autodidatta. Partecipa a vari concorsi ottenendo riconoscimenti e visibilità. Nel 1985 incontra per la prima volta Roberto Salbitani, che in quel periodo gestisce un centro  culturale alla Giudecca  a  Venezia . Nasce da subito un interesse che porta De Faveri a frequentare, negli anni successivi la Scuola di Fotografia nella Natura che Salbitani aveva fondato e  approfondisce in tal modo gli aspetti tecnici della ripresa e della camera oscura, ma soprattutto il linguaggio fotografico e la libertà espressiva. Partecipa a mostre collettive e personali. Nel 1995 si affaccia alla ribalta nazionale esponendo nll’ambito di una mostra collettiva intitolata “Venti Fotografi Italiani” tenutasi a Carpi. Qualche anno dopo però abbandona la fotografia. Per almeno quindici anni non utilizza più la macchina fotografica. In questo periodo di sospensione si   sviluppa e diffonde la massificazione della tecnica digitale. Proprio questo nuovo mezzo, in linea con le sue già esistenti propensioni   all’utilizzo del fotomontaggio, reso  ora più accessibile dall’elaborazione al computer, riapre una nuova stagione creativa che culmina con la pubblicazione del suo primo libro fotografico “Krisis”.

Info : Villa Frova tel.0434 79027; e-mail :info@incaneva.it

saverio nella terra di nessuno

In data 9 settembre, alle ore 18.30, avrà luogo l’inugurazione della mostra di fumetti EL SANGUANEL DE REFAVAIE, OVVERO SAVERIO NELLA TERRA DI NESSUNO. Saranno presenti l’autore Luca Salvagno e il Vicepresidente dell’Associazione Màcheri, Vincenzo Bottecchia

La mostra sarà aperta dal 9 al 24 settembre il lunedì, mercoledì e giovedì dalle 15:00 alle 18:30, il martedì e il venerdì dalle 9:00 alle 13:00 e il sabato e la domenica dalle 15:00 alle 19:00

Il libro a fumetti è prodotto dalla Pro Loco Prade Cicona Zortea nell’ambito del progetto Il fronte di fronte. Tale progetto intende raccontare gli accadimenti della Grande Guerra attraverso lo strumento del fumetto, ma con uno sguardo a diverse formule comunicative.

Il progetto è stato ideato da Marco Felici, presidente del Consorzio Turistico Vanoi, e da Vincenzo Bottecchia, curatore e ideatore di Cicona Fumetto, e ha ricevuto il riconoscimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri per gli eventi legati alla Grande Guerra.

Il libro racconta la guerra vista con gli occhi di un bambino di nome Saverio Gobber, nato e vissuto nel primo ‘900, ma forse non tanto distante dagli orrori che ancora molti bambini vivono in questi giorni nei luoghi dei conflitti. La vicenda si svolge tra le montagne e  i luoghi del Trentino e narra come Saverio trovi un modo di sopravvivere agli abbandoni e ai lutti facendo riferimento alle storie e alle tradizioni della sua terra. Narrato in modo tradizionale, è un libro delicato rivolto a tutte le generazioni.

L’autore, Luca Salvagno,nasce a Chioggia nel 1962. La sua passione per il fumetto è antica e va di pari passo con il vivo interesse per il lavoro di Jacovitti. Questa passione lo porta a esordire come colorista delle ultime tavole del maestro e in seguito a continuare, realizzando sceneggiature e disegni, il personaggio di Cocco Bill, di cui oggi è disegnatore ufficiale. Nel 1988 comincia a pubblicare fumetti e illustrazioni sul “Messaggero dei Ragazzi” di Padova. Le serie più rilevanti sono state le avventure di LAP, TRILLO PISTACCHIO, CONCHITO, ASINUS, CACIO GALILLA, FRA MIGNOLO, SAN FRANCESCO, LA BANDA. Nel 1992 inizia a collaborare con “Il Giornalino”,  passando tranquillamente da storie umoristiche a storie di avventura raccontando personaggi famosi, tra cui San Francesco, Giovanna D’Arco, Charlie Chaplin, Stan Laurel e Oliver Hardy, Walt Disney. Ha illustrato racconti per  “Mondadori Junior” anche su testi di Roberto Piumini e Bianca Pitzorno, “Storia d’Italia a fumetti” e “Storia del Mondo a fumetti” di Enzo Biagi. Tra le sue ultime pubblicazioni quella protagonista della presente mostra, “El Sanguanel de Refavaie”. E’ docente di discipline pittoriche al Liceo Artistico “A. Corradini” di Este.

L’evento è proposto e organizzato dall’Associazione Culturale Màcheri in collaborazione con il GAS Caneva

informazioni:

Villa Frova 0434.79027; info@incaneva.it

mostra zampol

Dal 12 dicembre al 6 gennaio si terrà a Villa Frova la Mostra CANEVA RIDE!

PREMIO TONI ZAMPOL – COME CANE E GATTO  Amici e Nemici

Mostra del Concorso Nazionale di Satira e Umorismo Disegnato

INAUGURAZIONE Sabato 12 dicembre ore 18.00. Con la presenza del vincitore SERGIO TESSAROLO.

Orari di apertura:

Martedì e Venerdì     9 – 13

Mercoledì e Giovedì  15 – 18

Domenica     14.30 – 18

La mostra è organizzata in collaborazione con Associazione PRO CASTELLO CANEVA.

 

ultime signorine

Dal 15 novembre al 6 dicembre 2015 si terrà la mostra intitolata LE ULTIME SIGNORINE.

L’inaugurazione avrà luogo domenica 15 novembre 2015 alle ore 11.00 con la partecipazione dello scrittore e giornalista EDOARDO PITTALIS.

Mostra allestita in collaborazione con il Museo Virtuale “Le Case di Tolleranza” di Davide Scarpa.

Progetto e allestimento a cura di: Arch. Marilisa Da Re – Giovanna Carlot.

ORARI DI APERTURA:

martedì e giovedì 9 – 13

lunedì, mercoledì e giovedì 15 – 18

sabato e domenica 14.30 – 18.30

Visite guidate su prenotazione chiamando il numero 0434.79027

Si ringraziano: Comune di Brugnera e Sig.M. Pezzutti – Negozio “La Pagoda” Cappella Maggiore (TV)

mater

MATER – FAMILY – Esposizione d’arte P. A. CHIARADIA

Inaugurazione sabato 10 ottobre alle ore 18.30.

Presentazione a cura della D.ssa Francesca Chiaradia.

La mostra rimarrà aperta fino al 30 ottobre.

ORARI DI APERTURA:

Martedì e Venerdì                      9.00 – 13.00

Lunedì Mercoledì e Giovedì       15.00 – 18.00

Sabato                                     15.30 – 19.00

Domenica                                 10.00 – 12.00 / 15.30 – 19.00

M° Pier Antonio Chiaradia – Pittore – Disegnatore 

Nato a Stevenà di Caneva nel 1945. Residente a Caneva in Via 4 Novembre n. 54.

PERCORSO:

Abilitazione magistrale statale con 10 in disegno e storia dell’arte. Maturità artistica presso il Liceo Artistico Statale “N. Nani” a Venezia.

Quinquennio di Scuola Libera del Nudo presso l’Accademia di Belle Arti di  Venezia. Insegnanti: Luigi Tito, Luciano Zarotti, Franco Tramontin.

Cicli pittorici su muro, tavola, tela nel Triveneto. Opere pittoriche in Chiese, in sedi pubbliche e private.

Innumerevoli note critiche e recensioni su stampa e tv. Libri, quaderni, pubblicazioni raccolgono una lunga documentazione sul suo operare che risale agli anni 60.

La sua attività continua nella casa—studio a Caneva.

12Next