Le nuove frontiere della biologia e dell’ambiente

economia circolare

Venerdì 14 febbraio 2020 alle ore 20:45 si terrà presso l’Auditorium Comunale la conferenza intitolata LE NUOVE FRONTIERE DELLA BIOLOGIA E DELL’AMBIENTE.

Relazioni:

L’economia circolare: una sfida scientifica e professionale

Prof. Stefano Dumontet

Coordinatore dottorato internazionale “Ambiente, Risorse e Sviluppo Sostenibile”

UNESCO Chairholder “Environment, Resources and Sustainable Development”

Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

 

Un nuovo Modello di Valutazione di Impatto Ambientale fra Prevenzione Primaria, Preprimaria e misure di Resilienza Ambientale

Dott. Luigi Montano

UroAndrologo ASL Salerno, Esperto in Patologia Ambientale, Coordinatore Progetto EcoFoodFertility

 

Influenza dei metalli tossicologicamente rilevanti sulla regolazione epigenetica umana

“epigenetica” e origini “epigenetiche-fetali” delle malattie dell’adulto.

Dott. Andrea Del Buono

Specialista in Medicina del Lavoro, Fisiopatologia ed Allergologia Respiratoria

Esperto in Nutrigenomica e Farmacogenomica

Presidente Fondazione DDClinic Caserta.

 

Coordina il Dott. Vincenzo D’Anna

Presidente Ordine Nazionale dei Biologi

mauro corona

Sabato 25 gennaio alle ore 20.45 presso l’Auditorium Comunale si terrà la presentazione del nuovo libro di MAURO CORONA e MATTEO RIGHETTO “IL PASSO DEL VENTO” – Sillabario Alpino.

Parlare di montagna equivale a parlare dell’intera esistenza, e di come in essa si intende prendere posto. E amare la montagna significa stare al mondo con franchezza, desiderio di avventura, accortezza e spirito di solidarietà, rispetto per la vita in tutte le sue manifestazioni.

Mauro Corona e Matteo Righetto, gli scrittori italiani più autorevoli sull’argomento, danno voce a ciò che per loro la montagna rappresenta, attingendo a un ricchissimo tesoro di esperienze personali, qui condensate in brevi racconti, epigrammi fulminanti, descrizioni di paesaggi naturali di bellezza inesprimibile.

In queste pagine troviamo l’asprezza della roccia e la sfida delle vette, ma anche la carezza accogliente dei boschi, il ritmo lento del passeggiare; i ricordi vivissimi di un tempo che non esiste più e la consapevolezza urgente delle responsabilità da assumersi perché gli ambienti naturali possano sopravvivere ed essere il futuro dei nostri figli.

I sedici milioni di abeti distrutti dal ciclone che si è abbattuto sulle Dolomiti alla fine del 2018 evocano i caduti della Prima guerra mondiale, perché “gli alberi sono come le persone, e le foreste sono intere comunità”. La descrizione di un camoscio, che con abilità di equilibrista si muove tra i picchi più impervi, sfocia in una riflessione sul cambiamento del ruolo del padre nella società contemporanea, una figura ormai così priva di spigoli da rendere difficile assumerla come riferimento e appoggio. E invece, dal momento che gli esseri umani sono alpinisti inconsapevoli e chi “guarda il cielo sente la vertigine della bellezza ma anche il vuoto del precipizio”, l’appiglio è cruciale, nell’arrampicata come nella vita.

La narrativa potente di due grandi scrittori in un libro che si legge con la facilità e la soddisfazione con cui si raccolgono i mirtilli, grazie alla struttura classica e accattivante del sillabario.

 

Mauro Corona è nato a Erto (Pordenone) nel 1950. È autore di Il volo della martoraLe voci del boscoFinché il cuculo cantaGocce di resinaLa montagnaNel legno e nella pietraAspro e dolceL’ombra del bastoneVajont: quelli del dopoI fantasmi di pietraCani, camosci, cuculi (e un corvo)Storia di NeveIl canto delle manéreLa fine del mondo storto (premio Bancarella 2011), La ballata della donna ertanaCome sasso nella correnteVenti racconti allegri e uno tristeGuida poco che devi bere: manuale a uso dei giovani per imparare a bereLa voce degli uomini freddi (finalista premio Campiello 2014), Una lacrima color turcheseI misteri della montagnaFavola in bianco e neroLa via del sole, e delle raccolte di fiabe Storie del bosco anticoTorneranno le quattro stagioni e Il bosco racconta, tutti editi da Mondadori. Ha pubblicato inoltre La casa dei sette ponti (Feltrinelli, 2012) e Confessioni ultime (Chiarelettere, 2013), Quasi niente (con Luigi Maieron, Chiarelettere, 2016).

Matteo Righetto è docente di Lettere e studioso di Letteratura Ambientale, vive tra Padova e Colle Santa Lucia (Dolomiti). Ha esordito con Savana Padana (TEA, 2012), seguito dal romanzo La pelle dell’orso (Guanda, 2013), da cui è stato tratto un film con Marco Paolini, e altri titoli di successo tra i quali Apri gli occhi (TEA, 2016, vincitore del Premio della Montagna Cortina d’Ampezzo) e Dove porta la neve (TEA, 2017). La terra promessa è il romanzo conclusivo della “Trilogia della Patria”, i cui primi due volumi, usciti per Mondadori, sono L’anima della frontiera (2017) e L’ultima patria (2018). La sua Trilogia è diventata un caso letterario internazionale con traduzioni in molti Paesi, tra cui Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Australia, Germania, Olanda.

convegno budoia

Sabato 14 settembre 2019 alle ore 9:45 il Comune di Budoia organizza il convegno dal titolo L’OFFERTA TURISTICA SLOW DELLA PEDEMONTANA PORDENONESE (Sala Convegni Ex-Latteria di Budoia – via Bianco n. 4.)

Programma:

  • Saluti delle Autorità
  • Introduzione ed obiettivi della giornata a cura di Luca Vivan
  • Progetto InDorsale relatore Davide Pasut
  • L’offerta turistica intorno al Cammino di San Cristoforo a cura del GAL Montagna Leader. Intervengono dott.ssa Luisa Cappellozza e arch. Giorgio Viel
  • Bellezze dimenticate: arte sacra, cultura e paesaggio lungo la pedemontana pordenonese, nei Comuni di Budoia, Polcenigo ed Aviano, sul Cammino di San Cristoforo: esplorazione virtuale del patrimonio artistico a cura di Roberto Dabrilli (Webmaster) e Sandro Sandri (F.A.I. Delegaizone di Pordenone)
  • Un esempio di progetto turistico slow: Il Parco di San Floriano. relatore Giuliomaria Garbellotto (cooperativa Controvento)
  • La carta dei sentieri e delle passeggiate: Budoia, Polcenigo, Aviano, Piancavallo. relatore Raoul Panizzut (Pro Loco Budoia)
  • Come promuovere l’offerta turistica Slow della Pedemontana Pordenonese. Relatore dott. bruno Bertero (Direttore marketing di Promoturismo FVG)

Moderatore Luca Vivan – www.lucavivan.com

Cofee break

pianeta terra

Si organizza per domenica 20 ottobre un’escursione dedicata al mondo della geomorfologia e della geologia nell’antica scogliera del Cansiglio.

Punto di partenza : Punto informativo presso il Passo della Crosetta (Caneva)

Ora di partenza : 9:30

 

info e prenotazioni : 370 1107202 ; e-mail: prealpicansiglio@gmail.com

BramitodelCERVO

Si organizza per giovedì 17 ottobre una Escursione serale per andare alla scoperta del Cervo : per conoscerlo, ascoltarlo e osservarlo nel periodo degli amori.

Punto di partenza : Punto Informazioni Passo della Crosetta (Caneva)

Orario partenza : 16:30

Prenotazioni e informazioni : tel.: 0434 79027 orari biblioteca ; e-mail : info@incaneva.it ; cell.: 370 1107 202 ; e-mail : prealpicansiglio@gmail.com

BramitodelCERVO

Si organizza per giovedì 10 ottobre una Escursione serale per andare alla scoperta del Cervo : per conoscerlo, ascoltarlo e osservarlo nel periodo degli amori.

Punto di partenza : Punto Informazioni Passo della Crosetta (Caneva)

Orario partenza : 16:30

Prenotazioni e informazioni : tel.: 0434 79027 orari biblioteca ; e-mail : info@incaneva.it ; cell.: 370 1107 202 ; e-mail : prealpicansiglio@gmail.com

BramitodelCERVO

Si organizza per giovedì 3 ottobre una Escursione serale per andare alla scoperta del Cervo : per conoscerlo, ascoltarlo e osservarlo nel periodo degli amori.

Punto di partenza : Punto Informazioni Passo della Crosetta (Caneva)

Orario partenza : 16:30

Prenotazioni e informazioni : tel.: 0434 79027 orari biblioteca ; e-mail : info@incaneva.it ; cell.: 370 1107 202 ; e-mail : prealpicansiglio@gmail.com

BramitodelCERVO

Si organizza per giovedì 26 settembre una Escursione serale per andare alla scoperta del Cervo : per conoscerlo, ascoltarlo e osservarlo nel periodo degli amori.

Punto di partenza : Punto Informazioni Passo della Crosetta (Caneva)

Orario partenza : 16:30

Prenotazioni e informazioni : tel.: 0434 79027 orari biblioteca ; e-mail : info@incaneva.it ; cell.: 370 1107 202 ; e-mail : prealpicansiglio@gmail.com

BramitodelCERVO

Si organizza per giovedì 19 settembre una Escursione serale per andare alla scoperta del Cervo : per conoscerlo, ascoltarlo e osservarlo nel periodo degli amori.

Punto di partenza : Punto Informazioni Passo della Crosetta (Caneva)

Orario partenza : 16:30

Prenotazioni e informazioni : tel.: 0434 79027 orari biblioteca ; e-mail : info@incaneva.it ; cell.: 370 1107 202 ; e-mail : prealpicansiglio@gmail.com

casello della guardia notturna

Si organizza per sabato 14 settembre un’escursione crepuscolare con la luna piena. 

Al termine della passeggiata cena presso la Malga Coda di Bosco dal Titti e musica con il cantautore Bratiska.

Punto di partenza : Casello della Guardia (Caneva)

Ora di partenza : 17:30

Info e iscrizioni : 370 1107202 ; e-mail : prealpicansiglio@gmail.com

Gian Luca Bratina nasce e vive a Trieste con il profumo del mare e influenze di tutti i tipi comprese quelle aviarie,anarchie e gente di tutti i colori che ispirano i testi delle sue canzoni che comincia a proporre già a 15 anni.
A vent’anni si trova improvvisamente a suonare nei piano-bar e discoteche i successi musicali del periodo e nel giro di pochi mesi comincia una carriera che lo porterà a suonare per 20 anni nei migliori locali del Nord Italia, Austria e Slovenia.
Entra così in un giro commerciale di serate,contratti,impresari che lo portano ad abbandonare completamente l’attività di cantautore. Si inchina ai nuovi comandamenti degli anni 90: Apparire, Fingere,Conformarsi, Produrre, Guadagnare, Consumare. Con il passare degli anni però le serate diventano pesanti e noiose, il pubblico insopportabile,la musica, imposta e che non gli appartiene, diventa un macigno.
Un giorno, nel 2014, da un cassetto saltano fuori le sue vecchie canzoni, trova che abbiano ancora un senso e comincia a scriverne altre. Così dopo 18 anni dall’ultimo concerto da cantautore e quindi avendo raggiunto la maggiore età come prostituta musicale, Gian Luca Bratina prende le distanze da tutto e da tutti e diventa Bratiska, un menestrello con l’anima Punk che parla di vento, guerra, vino, delusioni, società traviata,fiori, pecore e maiali.
Nel 2014 il video-clip “Pecore e Maiali” viene premiato al concorso internazionale “CineFestival” di Treppo Carnico.
Nel 2015 è finalista al concorso “Sottotoni” a Concordia Saggitaria(Ve) e al “Festival mondiale della canzone funebre” a Rivignano (Ud).Il suo brano “Scacchi” viene inserito nel cd compilation “Circolo Acustico vol.1”.
Nel 2016 si classifica secondo a “Cantiere Miotto”-Folkest .
Nel 2017 il brano “Katacomba” viene inserito nel cd “Circolo Acustico vol.2″ , il brano “Giulia” nel cd “Musica in Friuli” e il brano “Canzone per Sonja” con il cantante nigeriano Lewis Angelo nel cd “Festival Mondiale della Canzone Funebre”.
Ha aperto concerti di Eugenio Finardi, New Trolls, Mal, Alberto Camerini, Skiantos.
Nell’ultimo tour di concerti si presenta sul palco da solo con chitarre, ukulele, mandolino e loop station.

 

123419Next