Il Coraggio di Farsi Aiutare

eventi sito 2022(46)

Il coraggio di farsi aiutareCome dire SÌ alla tua guarigione

Sabato 8 ottobre ore 18:30, Villa Frova

Con l’autore Gianni Bonas

 

La vita è imprevedibile e può decidere improvvisamente che dobbiamo vivere un’esperienza dolorosa o attraversare un momento difficile. Così quando capita di affrontare situazioni che ci stendono al tappeto e mettono a dura prova la nostra capacità di rialzarci , ecco che la scelta dell’atteggiamento da adottare può risultare determinante sull’evolversi della nostra esistenza. Trovarsi al bivio di un passaggio al buio della vita significa decidere se lasciarsi travolgere e magari soccombere, oppure trovare il coraggio di farsi aiutare.<<Come?>>. E’ la domanda che ne consegue. La risposta è articolata ma ha un punto di partenza ben chiaro:<<Attraverso un “affiancatore”, un amico di Ulisse, un mentore “istituzionalizzato” o meno, a seconda della necessità di aiuto.>>

Gianni Bonas, in questo libro, condivide con i lettori sedici storie di donne e uomini che hanno avuto il coraggio di prendere in mano il dolore e la vita dicendo si alla propria guarigione, affidandosi a lui per intraprendere un percorso di trasformazione e rinascita. Sedici voci che raccontano, a modo loro con un linguaggio spontaneo e carico di emotività, la propria storia e come sia possibile trovare una nuova energia per conquistare un posto sul podio della felicità.

 

INFORMAZIONI:

0434797464

cultura.turismo@comune.caneva.pn.it

eventi sito 2022(43)

Presentazione del 3°volume dell’Atlante Biografico dei Resistenti del Gruppo Brigate” Vittorio Veneto”

20 Ottobre 2022, ore 20.45 presso Villa Frova

 

Il volume riporta le schede biografiche degli appartenenti alle varie formazioni del Gruppo Brigate “Vittorio Veneto” che parteciparono negli anni 1943-1945 alla Liberazione nel Vittoriese e nella Destra Tagliamento, e in particolare alle brigate “Cacciatori delle Alpi” e “Ciro Menotti”.

 

RELATORE:

Pier Paolo Brescacin è direttore scientifico dell’ISREV Aps (Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea del Vittoriese). Si è occupato di antifascismo e resistenza, con particolare attenzione al Vittoriese e alla Destra Tagliamento.

È autore di diverse pubblicazioni, tra cui: Sui Sentieri della Resistenza in Cansiglio (ISREV, 1998); Immagini della Resistenza nel Vittoriese (ISREV, 2000); i due volumi de La Colonna D’Oro del Menarè (ISREV, 2009 e 2010) e de Il Sangue Che Abbiamo Dimenticato. Resistenza e Guerra Civile nel Vittoriese 1943-1945 (ISREV, 2012 e 2014); Assalto al Cansiglio (ISREV, 2018) e Il Bus de la Lum. I Luoghi della Memoria Divisa (ISREV, 2020).

Nel 2016 ha compilato per l’ “Atlante delle Stragi Nazifasciste in Italia” realizzato a cura dell’Istituto Nazionale “Ferruccio Parri” e dell’ANPI nazionale e finanziato dal Governo Tedesco i seguenti data base relativi alle stragi presenti nel Vittoriese: Fadalto, Vittorio Veneto (24.7.1944);  Pinidello, Cordignano  (8.9.1944); Montaner, Sarmede (7.1.1945); Salsa, Vittorio Veneto (6.2.1945)  e Silvella, Cordignano  (14.2.1945)

 

INFORMAZIONI:
Telefono: 0434 797464
E-Mail: cultura.turismo@comune.caneva.pn.it

eventi sito 2022(45)

E-LEGANZE

Fili, punti e racconti

 

Mostra di opere in tessuto di Lucina Dorigo

Inaugurazione domenica 9 OTTOBRE 2022 ore 11:00 presso Villa Frova
Presenta l’evento Paolo Venti

 

Scandire o fermare il tempo è in fondo il senso di ogni nostro agire umano. Alla base della prima narrazione del nostro Occidente ci sono due figure che dominano il tempo: Achille che nell’Iliade è mosso da Ménis, la rabbia maschile che interrompe imponendo la propria volontà in modo violento e diretto, e Penelope, figura femminile e nascosta dell’Odissea che tiene le fila del tempo. Ogni notte tesse e disfa la tela, portando indietro le lancette di un orologio che non si può fermare.

Vi è dunque un valore simbolico potente nel filo, che resta prerogativa femminile. Arianna tiene il filo, le Parche filano e tagliano le nostre vite. e non dimentichiamo Aracne, punita perché si ritiene migliore di Atena nel ricamo, o Arianna che salva proprio usando il filo di un gomitolo.

Lucina Dorigo non tesse, non ricama ma più umilmente cuce. Sceglie lembi di stoffa, accosta colori e assembla. Cuce perché è una donna moderna, che cerca un modo concreto e quotidiano, ma ugualmente intenso, di lavorare con il tempo. E lo fa dedicando tempo, infinite ore a mettere in fila uno dopo l’altro punti fitti fitti, ago e filo, a saldare insieme gli strati di tessuto. Troppo pretendere di determinare una trama unica, decidere un verso alle cose: in questa epoca di decostruzione possiamo solo tenere insieme narrazioni diverse, sovrapporle, saldarle insieme con la forza e la costanza del nostro esserci, con un paziente lavoro di cucitura.

È incredibile la pazienza delle donne, la nonna che per ore cuciva le suole degli scarpets, destinate a consumarsi nell’uso, sui pavimenti. A fronte della protervia maschile che pretende soluzioni, innalza costruzioni, la donna sa che il tempo si consuma e che non vi è nulla di spregevole nell’unire il proprio tempo al tempo della morte. Penso ai sudari, tessuti, ricamati, cuciti e destinati a una tomba.

Ogni lavoro di questa artista è una riflessione sul tempo che risiede nel sacro che si avverte in essi.  Una sacralità che si ritrova nei colori, nella scelta di sfumature e tessuti preziosi, echi di tutta la ritualità cristiana, ma anche nella composizione rigorosa e ieratica degli inserti che sembrano costruire spazi e mondi metafisici, irreali e realissimi insieme.

Le lunghe ore di Lucina non fermano il tempo, non lo mandano avanti e indietro come Penelope, ma ci dicono che il tempo umano si può mettere al servizio, si può allineare al tempo grande del mondo, senza pretese o urgenze: in questo atteggiamento di fiducia e abbandono, il nostro tempo banale si trasforma, confluisce in qualcosa di più profondo senza che ce ne accorgiamo.

La scelta dei tessuti, la cura meticolosa danno vita a geometrie semplicemente perfette davanti alle quali l’occhio si incanta e si sente appagato. Per un attimo si avverte che si sono saldati due livelli, la terra e il Cielo, la realtà e l’Idea, e sente di essere di fronte alla bellezza.

 

INFORMAZIONI:
Telefono: 0434 797464
E-Mail: cultura.turismo@comune.caneva.pn.it

eventi sito 2022(39)

7 ottobre 2022 ore 20:45, Villa Frova

 

Presentazione del libro “Perché, Dio?” con l’autore Ekoue Kidja.

Introduce Piergiorgio Rizzo, giornalista

Modera Marianna Maiorino, giornalista

Intervalli musicali di Papis Sana Ba, percussionista

 

L’incredibile vicenda umana di Ekoue Kidja. Dall’infanzia poverissima in un villaggio del Togo all’affermazione artistica come ballerino e performer, stimato e richiesto a livello internazionale. Una storia vera, potente, commovente di sofferenza, tenacia e riscatto. Un esempio e un invito a non mollare mai, perché la vita, per quanto spietata ed inesplicabile, è sempre capace di sorprenderci e di cambiare in un battito di ciglia. Spesso anche in meglio.

INFORMAZIONI
Telefono 0434 797464 (lun-ven, 8:00-14:00)
Mail cultura.turismo@comune.caneva.pn.it
eventi sito 2022(44)

27 ottobre 2022, Villa Frova (Stevenà di Caneva)

 

Un autore per amico: Giacomo Leopardi

Ciclo di Canti con Simone Vecchiato

Secondo appuntamento: La Sera del Dì di Festa

 

Informazioni:

Telefono 0434 797464 (lun-ven, 8:00-14:00)

Mail cultura.turismo@comune.caneva.pn.it

 

eventi sito 2022(40)

13 ottobre 2022, Villa Frova (Stevenà di Caneva)

 

Un autore per amico: Giacomo Leopardi

Ciclo di Canti con Simone Vecchiato

Primo appuntamento: L’Infinito

 

Informazioni:

Telefono 0434 797464 (lun-ven, 8:00-14:00)

Mail cultura.turismo@comune.caneva.pn.it

 

eventi sito 2022(41)

19 ottobre 2022 ore 20:45, Villa Frova

 

Quattro incontri su quattro registi che hanno fatto, e stanno facendo, la storia del cinema.

Con Davide Perin

 

Secondo incontro: QUENTIN TARANTINO

  • Un regista che non ha bisogno di presentazioni, ha coniato il cosiddetto stile tarantniano ed è uno dei principali rappresentanti del cinema post moderno contemporaneo.
INFORMAZIONI
Telefono 0434 797464 (lun-ven, 8:00-14:00)
Mail cultura.turismo@comune.caneva.pn.it

 

eventi sito 2022(38)

5 ottobre 2022 ore 20:45, Villa Frova

 

Quattro incontri su quattro registi che hanno fatto, e stanno facendo, la storia del cinema.

Con Davide Perin

 

Primo incontro: SERGIO LEONE

  • Un regista che ha fatto la storia del cinema western e del cinema in generale, ha rivoluzionato il genere ma ha anche portato nuove tecniche di regia per creare l’epica e mettere in scena l’azione, anche inserendo sfumature politiche.
INFORMAZIONI
Telefono 0434 797464 (lun-ven, 8:00-14:00)
Mail cultura.turismo@comune.caneva.pn.it

 

eventi sito 2022(36)

LABORATORI IN COLLABORAZIONE CON Officina Villa Frova e UTE – Università della Terza Età e degli Adulti di Sacile e dell’Altolivenza

Presso Villa Frova, Stevenà di Caneva, Piazza San Marco

INGLESE – (livello elementare)
Dal 3 ottobre al 12 dicembre 2022
Lunedì dalle 20:30 alle 22:00
(per un totale di 10 incontri)
Per imparare e divertirsi con la lingua e la cultura inglese
Docente: CHIARA DE GIUSTI
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
ACQUERELLO: livello avanzato
Dal 6 ottobre al 15 dicembre 2022
Giovedì dalle 15.00 alle 17.00
(per un totale di 10 incontri)
Obiettivo di questo laboratorio è l’approfondimento della tecnica già acquisita nei precedenti laboratori di base, con la forte personalizzazione della tecnica di ognuno.
Docente: EVELINA MAZZUCCO
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
TAGLIO E CUCITO: laboratorio natalizio
Dal 7 novembre al 5 dicembre 2022

Lunedì dalle 15.00 alle 17.00
(per un totale di 5 incontri)
Un laboratorio dedicato a decorare a festa, secondo il proprio personale gusto, la vostra casa per Natale.
Docente: IRENE ZANETTE

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

 

PER INFORMAZIONI, COSTI E PRENOTAZIONI CONTATTARE
LA SEGRETERIA UTE DI SACILE
0434.72226 info@utesacile.it 388.7552851

eventi sito 2022(34)

La “leggerezza mortuaria” di Mozart: musica nei film di Pasolini

 

Giovedì 29 settembre 2022 ore 20.45Villa Frova, Stevenà di Caneva (PN)

 

QUINTETTO ARRIGONI

Laura Bortolotto, Eleonora De Poi, violini

Jessica Orlandi, Clelia Gozzo, viole

Marco Venturini, violoncello

Introduzione al concerto a cura di Roberto Calabretto.

 

Musiche di J. S. Bach e W. A. Mozart

 

INFORMAZIONI:
Associazione Culturale Altoliventina 0434 312666
Mail info@altolivenzacultura.it
Web www.altolivenzacultura.it

1234101Next