Harmonia Post Coro Navirus – Concerto per coro, violino e pianoforte

HarmoniaCoro

Il Comune di Caneva in collaborazione con L’Associazione musicale Gabriel Fauré organizza un concerto in memoria delle vittime e delle sofferenze causate dall’epidemia di Coronavirus, che ancora stiamo vivendo.

Per partecipare è necessario prenotare il posto chiamando al 0434 797447 oppure al 338 9411796 entro venerdì 23 ottobre alle ore 14:00

Protagonisti : Il Coro femminile Harmonia, 

                         Prisca Verardo : violino

                         Federico Lovato : pianoforte

                         Andrea Tomasi : direttore

Coro Harmonia Pordenone. Il Coro femminile Harmonia di Pordenone nasce nell’estate del 2018 esordendo alla Scuola Grande di San Rocco a Venezia e presso l’antistante Chiesa. Successivamente grazie al sodalizio di alcune voci femminili della Corale del Duomo San Marco di Pordenone e del Coro da camera Gabriel Fauré l’organico si amplia; durante tutto il 2019 vengono proposti alcuni concerti nel bellunese e pordenonese con l’esecuzione integrale dei tre mottetti op. 39 per coro femminile di Felix Mendelssohn Bartholdy, con l’accompagnamento di orchestra d’archi. Alla fine 2019, il Coro ha proposto in prima esecuzione italiana il Magnificat di Kim André Arnesen, giovane compositore norvegese, nel Duomo Concattedrale di San Marco a Pordenone, nella versione completa per orchestra, pianoforte, organo, soprano solista e coro femminile, riscuotendo ampi consensi di pubblico e di critica. Quest’anno a causa del Covid-19, si è deciso di proporre un repertorio dedicato al Creato, proponendo un repertorio di musica corale di compositori viventi, volto alla ricerca di armonia interiore dopo la terribile situazione creatasi con il virus. Gli autori provengono dal Regno Unito, dalla Norvegia, dagli Stati Uniti e dalla Danimarca e sono accomunati da uno stile compositivo moderno, ma legato alla tradizione nordicaanglosassone. I temi trattati nei brani parlano della meraviglia della Natura e di Dio creatore e misericordioso, utilizzando testi poetici contemporanei e biblici, e alcuni verranno presentati prima dell’esecuzione dalle coriste al fine di coinvolgere il pubblico in una sorta di viaggio poetico-sonoro; numerosi i riferimenti anche ad eventi di tragica attualità come l’incendio nel 2017 alla Grenfell Tower di Londra in cui morirono 72 persone

Programma

  1. Pie Jesu (dal Requiem)- Karl Jenkins  – (Penclawdd, 17 febbraio 1944)
  2. Season –  Ola Gjeilo (Oslo, 5 maggio 1978)
  3. Days of Beauty –  Ola Gjeilo
  4. Et misericordia – Kim André Arnesen (Trondheim, 28 novembre 1980)
  5. I Denna ljuva sommartid –  Kim André Arnesen
  6. The Lord Bless you and keep you –  John Rutter (Londra, 24 settembre 1945)
  7. For the beauty of the Earth –  John Rutter (Londra, 24 settembre 1945)
  8. Psalm –  Dan Forrest (Breesport-N.Y., 7 gennaio 1978)
  9. Seal lullabye –  Eric Whitacre (Reno-Nevada, 2 gennaio 1970)
  10. Dirait-on –  Morten Lauridsen (Colfax-Washington, 27 febbraio 1943)
  11. Eternity –  Michael Bojesen (Copenaghen, 7 agosto 1960)
  12. Grenfell from today –  Philip Stopford (Regno Unito, 1977)
doppioconcerto

Il Comune di Caneva in collaborazione con MusicaCaneva.it organizza un doppio concerto per venerdì 16 ottobre 2020 alle ore 20:45, presso la Sala Covegni di Villa Frova a Stevenà di Caneva (2° piano)

Per partecipare all’evento è necessario telefonare al numero 0434 797.447 o al 338.941.17.96 entro venerdì 16 ottobre alle ore 14:00

Nella prima parte LA BELLA E L’ARPISTA – Concerto in duo per arpa, voce, violino e liuti

Protagonisti : Alice Populin Redivo – arpa celtica e voce

                        Davide Ceccato – violino, mandolino e bouzouki

Il duo “La Bella è l’Arpista” è un connubio di corde che vibrano, cercando costantemente un equilibrio e un ordine tra loro, facendo risuonare echi di storie e di terre lontane. L’ascoltatore verrà trascinato da melodie antiche come la memoria dell’uomo in atmosfere fatate e sognanti. Il repertorio proposto, che va dalla musica irlandese a quella mediorientale passando per l’area francese, ungherese e dell’europa meridionale, propone al pubblico antiche danze popolari, musica antica colta e popolare, in una continua oscillazione tra “sacro e profano”, tra musica colta e musica popolare. Gli arrangiamenti dei brani sono tutti originali e rivisti, con la precisa intenzione di sorprendere sempre l’orecchio di chi ascolta. Gli strumenti impiegati, oltre agli interventi vocali di Alice, saranno l’arpa celtica, il violino, il mandolino e il bouzouki.

Nella seconda parte LEGNO E VENTO

Protagonista : Paola Selva – chitarra acustica

La chitarra … me l’ha portata il vento.

Il vento spettina i capelli, cambia la posizione degli oggetti,

porta messaggi lontani.

A me ha provocato uno scompiglio di legno, corde e musica.

A causa del vento ho iniziato a suonare la chitarra, avevo 9 anni, e da quel giorno non ci siamo più lasciate.

Mi sono diplomata al Conservatorio di Piacenza e ho tenuto concerti per chitarra sola, ma da sempre è la musica d’insieme quella che mi appassiona. A fianco di molte collaborazioni, sono nati gruppi stabili come il Trio Silene e l’Anahit Ensemble.

Recentemente ho scoperto il mondo della chitarra acustica e la mia vita musicale è diventata ancora più emozionante.

Se volete sapere qualcosa in più su di me e sulla mia attività potete visitare le sezioni  SelvaClassica  e  SelvAcustica.

Le chitarre che suono in concerto sono nate dalle sapienti mani di Michele Della Giustina, un grande amico prima che un grande liutaio.

Ho affidato a lui i progetti della mia classica e della mia acustica, perché Michele sa tradurre in legno la mia idea di suono. E ne sono nati due strumenti davvero speciali.

 

Patuzzi duo

Il Comune di Caneva in collaborazione con L’Associazione Culturale Altoliventina XX secolo organizza :

Concerto per violino e pianoforte presso la Sala Convegni al 2° piano di Villa Frova , Stevenà di Caneva

Protagonisti:

Mariastella Patuzzi – Violino

Mario Patuzzi – Pianoforte

Musiche di Bartok Béla, Johannes Brahms, Camille Saint-Saens, Heinrich Wilhelm Ernst, Pablo de Sarasate

Maristella Patuzzi ha registrato a soli 11 anni in duo con suo padre Mario, Tzigane di Ravel per la Radiotelevisione svizzera e a 13 anni è stato pubblicato un disco dal vivo per Sony. Vincitrice di concorsi nazionali e internazionali, ha tenuto concerti in Europa, Russia, Asia, Stati Uniti, Africa, Canada, Australia e America Latina. A 17 anni ha ottenuto la maturità a Lugano e il diploma di violino con il massimo dei voti, lode e menzione speciale presso il Conservatorio di Milano. Nel 2009 ha ottenuto il Master presso l’Indiana University di Bloomington e nel 2011 il Master al Conservatorio della Svizzera italiana sempre con il massimo dei voti. Dal 2013 incide per Brilliant Classics, Decca e Dynamic. Attualmente suona su un violino Michael Platner, Roma 1728. Il prestito di questo strumento rientra nell’attività del progetto “Adopt a Musician”, una fra le iniyiative ideate e gestite da MusicMasterpieces di Lugano.

Mario Patuzzi ottiene la maturità classica e il Diploma di magistero di pianoforte a diciannove anni con il massimo dei voti e lode al Conservatorio Francesco Antonio Bonporti di Trento, che lo nomina, alla stessa età, titolare della cattedra di pianoforte principale. Nel 1977 è classificato primo al Concorso internazionale a Monaco di Baviera. Nel 1983 ottiene il Diploma di magistero di composizione al Conservatorio di Trento.Ha inciso per Nuova Era, Brilliant Classics e Dynamic.Titolare della cattedra di pianoforte principale e dei corsi accademici al Conservatorio Giuseppe Verdi a Como, tiene corsi di perfezionamento a Lugano, a San Benedetto del Tronto, in Val Tidone e all’Università Kunitachi di Tokyo.

Per poter partecipare è necessaio prenotare il posto chiamando al 0434 797447 oppure al 338 9411796 entro venerdì 9 ottobre alle ore 14:00

Per poter accedere alla sala del concerto è obbligatorio l’uso della mascherina.

porcellana a freddo

Il Comune di Caneva in collaborazione con L’Associazione Università della Terza Età e degli Adulti di Sacile e dell’Altolivenza organizza un corso di PORCELLANA A FREDDO

Periodo di svolgimento : dal 2 al 23 novembre 2020

Sede : Villa Frova

Orario : lunedì dalle 9.30 alle 12:00 (per un totale di 4 incontri)

Con questo impasto, particolarmente facile da modellare, i partecipanti al corso daranno vita al loro personale presepe. Adatto a tutti, anche ai ragazzi.

Docente : MALVINA SOLEDA RODRIGUEZ

PER INFORMAZIONI, COSTI E PRENOTAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA UTE DI SACILE : TEL.0434.72226; e-mail : info@utesacile.it

acquerello

Il Comune di Caneva in collaborazione con l’Associazione Università della Terza Età e degli Adulti di Sacile e dell’Altolivenza organizza un CORSO DI ACQUERELLO BASE.

Periodo di svolgimento : dall’8 ottobre al 10 dicembre 2020

Sede del corso: Villa Frova

Giovedì dalle 15.00 alle 17.00 (per un totale di 10 incontri). Materiali a carico degli allievi.

Quando si dipinge con l’acquerello non è necessario riprodurre perfettamente ciò che si vede, ciò che conta è quello che si percepisce. 

Docente: EVELINA MAZZUCCO

 

PER INFORMAZIONI, COSTI E PRENOTAZIONI CONTATTARE

LA SEGRETERIA UTE DI SACILE

0434.72226   info@utesacile.it

Pinocchio

Giovedì 17 settembre ore 17:30 nel Giardino di Villa Frova a Stevenà di Caneva (ingresso di fronte Chiesa di San Marco)

Il comune di Caneva e il Sistema Bibliotecario delle Valli e delle Dolomiti Friulane, in collaborazione con Ortoteatro presentano

PINOCCHIO O COSA VUOL DIRE CRESCERE con Fabio SCARAMUCCI

L’evento è realizzato nell’ambito della rassegna Storie da sfogliare

 

L’ingresso è gratuito e rivolto a tutti, ma solo su prenotazione : tel.0434 79027; cell. 338.94.11.796

ATTENZIONE : In caso di mal tempo la lettura si farà nella Sala Convegni di Villa Frova (2° piano)

palù

Si organizza una Visita al sito Unesco del Palù di Livenza . E’ possibile visitare il sito naturalistico con le guide dell’Associazione Prealpi Cansiglio Hiking e il sito archeologico con le guide del Gruppo Archeologico di Polcenigo. Nell’occasione sarà presente anche il dott. Roberto Micheli, funzionario archeologo della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia.

Data e ora : domenica 20 settembre dalle ore 10:30 alle 12:00 e nel pomeriggio dalle ore 14:30 alle 16:00

Luogo: Palù di Livenza. 

 

Laboratorio di domenica 20 settembre

Dalle 10.00 alle 12:00 si terrà inoltre il laboratorio “MICROCOSMI VEGETALI E ANIMALI – TROVA LE DIFFERENZE” con Costanza Uboni e Luca Dorigo.

 

Contatti per informazioni e prenotazioni:

Ecomuseo Lis Aganis :

Tel. : 0427.7624425;  Cell.: 393.949.47.62

Mail: info@ecomuseolisaganis.it

 

—————————————————

In provincia di Pordenone, nella zona umida e paludosa che si estende tra i comuni di Caneva e Polcenigo a valle del fiume Livenza, si trova il sito palafitticolo del Palù di Livenza.

Si tratta di un sito insediativo popolato fin dall’antico Paleolitico (4900 a.C. ca.). Dagli scavi effettuati sono emerse tre diverse tipologie di strutture palafitticole che testimoniano un insediamento del luogo fino al Neolitico recente. Molteplici i materiali ritrovati, dagli oggetti e strumenti in pietra a quelli in ceramica (i reperti archeologici rinvenuti nel sito sono attualmente conservati nel Museo Archeologico del Friuli Occidentale).

Il sito di Palù di Livenza è uno tra i più antichi siti palafitticoli dell’Italia settentrionale. Grazie all’eccezionalità della datazione storica dei ritrovamenti e all’importanza che l’area archeologica ricopre in Italia, nel giugno 2011 il Palù è stato iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

 

 

 

palù

Si organizza una Visita al sito Unesco del Palù di Livenza . E’ possibile visitare il sito naturalistico con le guide dell’Associazione Prealpi Cansiglio Hiking e il sito archeologico con le guide del Gruppo Archeologico di Polcenigo. Nell’occasione sarà presente anche il dott. Roberto Micheli, funzionario archeologo della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia.

Data e ora : domenica 13 settembre dalle ore 10:30 alle 12:00 e nel pomeriggio dalle ore 14:30 alle 16:00

Luogo: Palù di Livenza. 

 

Dalle ore 10:00 alle ore 12.00 si terranno altresì i seguenti laboratori:

  • La filatura della lana con i fusi a cura dell’Associazione culturale Pradis
  • Dai cereali alla farina, al pane con il Gruppo Archeologico Archeo 2000

 

Contatti per informazioni e prenotazioni:

Ecomuseo Lis Aganis :

Tel. : 0427.7624425;  Cell.: 393.949.47.62

Mail: info@ecomuseolisaganis.it

—————————————————–

In provincia di Pordenone, nella zona umida e paludosa che si estende tra i comuni di Caneva e Polcenigo a valle del fiume Livenza, si trova il sito palafitticolo del Palù di Livenza.

Si tratta di un sito insediativo popolato fin dall’antico Paleolitico (4900 a.C. ca.). Dagli scavi effettuati sono emerse tre diverse tipologie di strutture palafitticole che testimoniano un insediamento del luogo fino al Neolitico recente. Molteplici i materiali ritrovati, dagli oggetti e strumenti in pietra a quelli in ceramica (i reperti archeologici rinvenuti nel sito sono attualmente conservati nel Museo Archeologico del Friuli Occidentale).

Il sito di Palù di Livenza è uno tra i più antichi siti palafitticoli dell’Italia settentrionale. Grazie all’eccezionalità della datazione storica dei ritrovamenti e all’importanza che l’area archeologica ricopre in Italia, nel giugno 2011 il Palù è stato iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

 

 

 

 

palù

Si organizza una Visita al sito Unesco del Palù di Livenza nell’ambito della campagna di scavo iniziata lo scorso 17 agosto. E’ possibile visitare il sito naturalistico con le guide dell’Associazione Prealpi Cansiglio Hiking e il sito archeologico con le guide del Gruppo Archeologico di Polcenigo. 

Data e ora : domenica 6 settembre dalle ore 10:30 alle 12:00 e nel pomeriggio dalle ore 14:30 alle 16:00

Luogo: Palù di Livenza. 

 

Inoltre, dalle 10:00 alle 12:00 si terrà il laboratorio ” LA CACCIA NEL PALU'” a cura dell’Associazione culturale Pradis.

Dalle 10.00 alle 12:00

 

Contatti per informazioni e prenotazioni:

Ecomuseo Lis Aganis :

Tel. : 0427.7624425;  Cell.: 393.949.47.62

Mail: info@ecomuseolisaganis.it

 

—————————————————————-

In provincia di Pordenone, nella zona umida e paludosa che si estende tra i comuni di Caneva e Polcenigo a valle del fiume Livenza, si trova il sito palafitticolo del Palù di Livenza.

Si tratta di un sito insediativo popolato fin dall’antico Paleolitico (4900 a.C. ca.). Dagli scavi effettuati sono emerse tre diverse tipologie di strutture palafitticole che testimoniano un insediamento del luogo fino al Neolitico recente. Molteplici i materiali ritrovati, dagli oggetti e strumenti in pietra a quelli in ceramica (i reperti archeologici rinvenuti nel sito sono attualmente conservati nel Museo Archeologico del Friuli Occidentale).

Il sito di Palù di Livenza è uno tra i più antichi siti palafitticoli dell’Italia settentrionale. Grazie all’eccezionalità della datazione storica dei ritrovamenti e all’importanza che l’area archeologica ricopre in Italia, nel giugno 2011 il Palù è stato iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

 

 

 

 

 

LOCANDA DE BARDI

Sabato 22 agosto alle ore 20:45 si terrà presso Villa Frova il concerto del gruppo LA LOCANDA DE BARDI che presenterà il suo nuovo CD intitolato “IO SONO FELICE”.

La Locanda De Bardi è un complesso musicale con il buon appetito per la musica, per l’arte e la cultura. Come nella Camerata Fiorentina si cadenzano parlate, canto, generi musicali, voglia di creare e di conoscere. Si sceglie la locanda come habitat artistico riproducendo l’atmosfera caratteristica del Bistrot parigino, le spiagge di Rio e degli orizzonti del Bel Paese attraverso le note d’ autore. I membri della Locanda De Bardi sono: Giulia Tocchet alla Chitarra, Marco Pizzinat alla chitarra, Matteo Marchioni al basso e Michela Tocchet alla voce. A seguito di varie esperienze trascorse in varie band locali, la band si compone definitivamente nel 2012. Ad oggi la ha raggiunto i suoi primi sette anni di attività con quasi 3000 concertini sparsi per tutto il nord-est. Nel 2016 ha registrato il suo primo album live “Storie di Bottega” che accompagna l’omonima serie di cortometraggi dedicata all’artigianalità e alla produzione culturale contemporanea. Durante l’autunno del 2019 “La Locanda” pubblica “Io sono felice”: il primo album contente solo pezzi inediti.

 

Per poter partecipare è necessario prenotare il posto chiamando al numero 338 9411796.

Per poter accedere all’area dedicata al concerto è obbligatorio l’utilizzo della mascherina.

 

123437Next